lunedì 25 ottobre 2010

Inter-Sampdoria 1-1: Il Doria ci aveva sperato col Pazzo, ma Eto'o è una miniera... di goal!



A San Siro, nel posticipo odierno dell'8ª giornata di Serie A, Inter e Sampdoria hanno pareggiato per 1-1. E stata la Sampdoria a trovare il vantaggio al 62' con Guberti, in mezza girata su assist di Cassano. L'Inter a quel punto ha stretto d'assedio l'area doriana e ha trovato il pareggio con Eto'o all'80'.

FORMAZIONI - Benítez punta ancora su Coutinho e Biabiany, con il rientrante Pandev inizialmente in panchina. Eto'o centravanti, Zanetti e Cambiasso in mediana. Di Carlo punta su Koman, in gol in Europa League, e lo schiera come esterno destro di centrocampo. Dal lato opposto Guberti, Volta al centro della difesa, Cassano & Pazzini in attacco.

PARTITA - La pioggia bagna un primo tempo conclusosi a reti bianche. La partita - come preventivabile - viene fatta dall'Inter, in costante proiezione offensiva con almeno cinque uomini (il quartetto offensivo più Maicon) ed un incursore, Lucio o Cambiasso, sempre pronto ad infilarsi tra le maglie blucerchiate. Le poche occasioni capitate alla Sampdoria sono figlie di contropiedi ben gestiti, o più spesso di autentiche invenzioni di un Cassano alla ricerca del centesimo gol italiano. Come detto in precedenza, i primi quarantacinque minuti portano in dote uno 0-0 tutto sommato godibile.
Insoddisfatto da quanto accaduto nella prima frazione, Di Carlo riorganizza i suoi: baricentro più alto sin dall'inizio della ripresa, e l'Inter abbassa la cresta. Il tempo che Guberti infili Júlio César su imbeccata di Cassano, ed i nerazzurri la rialzano alla ricerca del pareggio. Coutinho dribbla tutto ciò che si trova sulla sua strada, mentre Cambiasso veste gli insoliti panni di centravanti aggiunto: è un assedio, coronato dalla zampata di un famelico Eto'o su cross dalla sinistra del frizzante Coutinho. Il pareggio, che all'Inter sta stretto, è il risultato finale, nonostante il forcing nerazzurro degli ultimi minuti.

CHIAVE - L'Inter sciupa parecchio, la Sampdoria no. Finisce 1-1.

CHICCA - Angelo Esmael da Costa Júnior, sostituendo l'infortunato Curci al 78', diventa il primo portiere straniero a difendere i pali della Sampdoria.

MOVIOLA - In occasione del vantaggio doriano c'è un contatto tra Chivu e Cassano: Orsato tace, la Sampdoria segna.

TATTICA - La fluidità della manovra offensiva nerazzurra si infrange sul muro eretto dalla Sampdoria, sempre pronta a pungere in contropiede.

PROMOSSI&BOCCIATI - Coutinho è un prestigiatore dal grande avvenire, Eto'o il solito uomo d'area. Cassano inventa, Palombo fa legna. Pazzini ancora a secco, grazie anche ad un pressoché perfetto Lucio.

Antonio Giusto

Fonte: Goal.com

1 commento:

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Tutto sommato condivido la tua analisi...ciao!