giovedì 15 luglio 2010

C'era una volta Zemanlandia

http://2.bp.blogspot.com/_3AkvvaevG4w/R1MqrPUYq_I/AAAAAAAAAYw/45S0YHr3-ZM/s1600-R/204foggia.jpg

Sigarette e fuorigioco, quattrotretre e Beppe Signori, gradoni e goleade. È Zemanlandia. La storia di un laconico boemo e della sua cricca, ambientata nella torrida Foggia a cavallo tra gli Ottanta e i Novanta. Un modo di fare calcio che mescola passato e futuro, che si concretizza nel presente: si gioca a zona con anni d'anticipo sul resto del panorama italiano, ma la gestione societaria è ancora vecchio stampo, niente merchandising e diavolerie simili.

ZEMAN: LA PRIMA VOLTA
Zdenek Zeman è un boemo di ghiaccio, col vizio del fumo ed un'avversione instrinseca nei confronti della marcatura a uomo. A Foggia ce lo porta Peppino Pavone, innovativo diesse dei Satanelli, affascinato dal Licata, che conquista la promozione in C1 nell'84-85 offrendo un gioco spumeggiante e ricco di gol nonostante la modestia della rosa, composta da un manipolo di semiesordienti. Don Pasquale Casillo, indiscusso signore del grano nonché neopresidente dei rossoneri, neppure sa chi sia questo Zeman, ma una volta compresa la sua filosofia di gioco non esita ad assumerlo. La favola, però, rischia di finire ancor prima di incominciare: il Foggia è stato appena retrocesso in C2 a causa di un tentativo d'illecito, scomoda eredità dell'ex general manager Ernesto Bronzetti. La squadra è allo sbando, in ritiro si presentano in sette. Zeman non fa una grinza ed il tempo gli dà ragione, perché l'avvocato Mauro Finiguerra riesce ad evitare la retrocessione, riottenendo la C1 seppur con 5 punti penalizzazione. Intanto il lavoro del tecnico boemo, nipote di quel Cesto Vycpalek bicampione d'Italia sulla panchina della Juventus, riscuote successo: l'ambizioso Parma lo invita a cena per proporgli un contratto, Casillo lo viene a sapere e, sentendosi tradito, lo esonera a sette giornate dal termine del campionato.
Nel 1987-88 sulla panchina rossonera siede Pippo Marchioro, che nonostante un'ambiziosa campagna acquisti fallisce il salto di categoria, per cui bisogna attendere la venuta di Pino Caramanno: secondo posto alle spalle del Cagliari di Ranieri, e ticket per la Serie B strappato all'ultima giornata, sul neutro di Trapani, grazie ad un pareggio con il Palermo diretto inseguitore (1-1, per il Foggia in gol Barone su calcio da fermo). Nonostante la promozione, Caramanno entra in rotta di collisione con i vertici societari: l'esonero è la naturale conseguenza, la richiamata di Zeman una lucida follia. Il mister fa ritorno in Capitanata dopo la deludente esperienza parmense ed un ottavo posto in B con il Messina.

B COME BEPPE
Al primo anno in cadetteria, l'obiettivo stagionale è una tranquilla salvezza. Per ottenerla, Peppino Pavone punta su un giovanotto di scuola Inter, Beppe Signori, il cui acquisto viene avallato non senza remore da Casillo. All'arrivo del ragazzo a Foggia, Zeman gli riserva un saluto stringrato: «Ciao, bomber». Signori, che l'anno prima ha segnato appena 5 gol con il Piacenza, 3 dei quali su rigore, resta interdetto: quel «bomber» gli sa di presa in giro, ma ben presto si renderà conto dei progetti che Zeman ha in serbo per lui. Nel frattempo, inizia il campionato, e nonostante le rosee attese il Foggia parte male: con 4 sconfitte filate tra la sesta e la nona giornata, la classifica non sorride certo ai rossoneri.
L'ultima chance per il boemo arriva alla vigilia di San Silvestro, in un gelido Monza-Foggia. Consonni porta in vantaggio i brianzoli al 20', Zeman è ad un passo dall'esonero quando la bandiera monzese Fulvio Saini (544 partite in biancorosso, record assoluto) commette un grave errore: inopinato retropassaggio al portiere su cui si avventa Signori, che insacca. È il gol della svolta: il Foggia inizia l'anno nuovo con la consapevolezza di poter far bene, benissimo, e ad un certo punto i Satanelli si ritrovano addirittura a cullare sogni di promozione. Per ottenerla c'è bisogno di qualche innesto importante: su tutti, Ciccio Baiano, che si rivelerà decisivo segnando ben 22 reti e concludendo la stagione sul trono dei cannonieri assieme all'udinese Balbo ed all'ascolano Casagrande.
Il successo in campionato, ottenuto con largo anticipo, è frutto di una preparazione atletica disumana, unita ad un'impeccabile applicazione del dogmatico 4-3-3. Perché i calciatori interpretino al meglio la filosofia di gioco zemaniana è infatti necessario un atletismo superiore alla media: per fare ciò, Zeman sottopone i suoi uomini ad interminabili sedute di allenamento, tenute sul campetto in terra battuta adiacente alla chiesa di San Ciro, distante pochi metri dallo stadio. Allo Zaccheria, infernale bolgia che suscitava timore anche in fuoriclasse affermati come Baggio e Maldini, viene raggiunto il culmine: ogni martedì, i giocatori sono costretti al tremendo saliscendi sui gradoni, reso ancor più duro dai sacchi e dai copertoni che l'incallito fumatore boemo è solito far utilizzare ai suoi nel corso delle estenuanti sessioni di lavoro atletico. Sembra un canto dell'Inferno dantesco, eppure erano questi i metodi utilizzati da Zeman, inattaccabili perché fruttuosi: alla domenica pomeriggio il Foggia aveva sempre una marcia in più dell'avversario. Necessaria, dato che per attuare il 4-3-3 era essenziale correre dal primo all'ultimo minuto, senza pause di sorta perché con la linea difensiva che spesso e volentieri oltrepassava la metà campo un singolo errore poteva rivelarsi fatale. Ma Zdenek, fine psicologo oltre che tecnico di elevato spessore, sapeva come agire, e la promozione fu la diretta conseguenza delle sue azioni, favorite da una lungimirante gestione societaria.

ZEMANLANDIA
Il Foggia che ritorna in Serie A dopo tredici anni è ben più che una società di calcio: si tratta infatti di una vera e propria famiglia del pallone. C'è Zeman, detto «il Muto», con la combriccola societaria: il già citato Peppino Pavone, direttore sportivo dotato di impareggiabile fiuto; Franco Altamura, dirigente che più di una volta dovette mettersi d'impegno per riconciliare tecnico e presidente; il viceallenatore Vincenzo Cangelosi, trent'anni al seguito di Zeman in giro per l'Italia; il massaggiatore Lino Rabbaglietti ed il magazziniere Dario Annecchino. Instancabili giocatori di tressette, trascorrono così gli interminabili viaggi in pullman.
Ma il meglio lo fa vedere la squadra sul campo: Petrescu, Shalimov e Kolyvanov, dispendiosi acquisti di Casillo, vanno ad aggiungersi al gruppone forgiatosi in B, quello composto da Signori, Baiano, Rambaudi, Mancini, Barone, Padalino, Codispoti... L'esordio è da brividi: si gioca a San Siro, contro l'Inter, ma il Foggia porta a casa un punto prezioso dopo essere addirittura passato in vantaggio con Baiano. Segue un immeritato ko casalingo con la Juventus (segna Schillaci, capocannoniere con Zeman a Messina), quindi il primo successo: 2-1 alla Fiorentina con emblematico gol vittoria di Codispoti, uno dei protagonisti della scalata dalla C alla A. Il campionato, concluso al nono posto, incorona il tecnico boemo: è Zemanlandia.
Mentre i tifosi sognano una campagna acquisti di livello per puntare all'Europa, Casillo è di diversa opinione: via Signori, Baiano, Rambaudi, Codispoti, Shalimov e molti altri per un guadagno totale di 60 miliardi circa. Il mandante di queste apparentemente scellerate operazioni di mercato è Zeman, convinto del fatto che una stagione del genere sia irripetibile con giocatori ormai formati e desiderosi di affrontare palcoscenici di ben altro livello. Si sceglie quindi rifondare la squadra: ai quattro superstiti Mancini, Petrescu, Grandini e Kolyvanov si aggiunge un manipolo di giovani tra cui spiccano i futuri interisti Di Biagio e Seno, oltre alla punta Bresciani, due volte in gol nello storico 2-0 che il Foggia ebbe l'ardore di rifilare alla Juventus nel '94-95, ultima stagione in A dei rossoneri. Nonostante questa rivoluzione, che porta la stragrande maggioranza della critica sportiva a dare il Foggia per spacciato, Zeman centra un'altra inaspettata salvezza: mentre il grande ex Signori vince il titolo di capocannoniere con la Lazio, i Satanelli ottengono un meritato undicesimo posto grazie anche ai gol dell'olandese Bryan Roy, acquistato in novembre dall'Ajax.
La stagione successiva si apre con una grande campagna acquisti: Stroppa, Chamot e Cappellini vanno a rinforzare una squadra che a molti pare pronta per conquistarsi un posto in Europa. Il piazzamento-Uefa sfugge all'ultima giornata, quando il Foggia perde contro il Napoli di Lippi, diretto concorrente, a causa di un gol di Paolo Di Canio. Il boemo lascia, va alla Lazio: è la fine di Zemanlandia.


http://www.calcionapoletano.it/wp-content/uploads/2010/03/padalino_noc2.jpg

IO C'ERO: PASQUALE PADALINO
Il suo esordio risale all'11 dicembre 1988, contro il Giarre, in C1: si aspettava una carriera del genere?
A quei tempi il calcio era ancora un gioco, un semplice diletto. Per me era già un traguardo incredibile quello di vestire la maglia della squadra della mia città, figuriamoci se pensavo alla Serie A o alla Nazionale. Allora mi bastava scendere in campo e divertirmi, sempre rispettando le indicazioni dell'allenatore: è così che da centrocampista mi sono ritrovato a fare il difensore centrale.
Qualche anno più tardi si è ritrovato nel cuore della retroguardia del «Foggia dei miracoli», rendendosi partecipe della formidabile cavalcata che portò i Satanelli dalla C1 ai quartieri alti della Serie A nel giro di appena quattro stagioni. Per un foggiano purosangue come lei cosa è significato essere tra i protagonisti di quell'impresa?
Indossare la maglia della propria squadra, quella per cui si è fatto il tifo sin da bambini (Padalino da piccolo faceva il raccattapalle allo Zaccheria, ndr), è un'esperienza indimenticabile. Per di più se si arrivano ad ottenere dei risultati di tale rilevanza.
Quali sono i compagni che ricorda con maggiore affetto di quel periodo vissuto in rossonero?
Di quel gruppo, contraddistinto da una grande armonia, ricordo con piacere la simpatia di Paolo List. Grandi esempi per me, che a quei tempi ero tra i più giovani, furono alcuni «anziani» come Daniele Marsan ed Antonio Schio, gente più navigata di me e sempre pronta a darmi una mano nel momento del bisogno.
Il suo rapporto con Zeman non ebbe un epilogo felice: per quale motivo?
A dire il vero, non ci fu nessun problema di natura personale con Zeman. Si trattò semplicemente di una questione lavorativa, a causa della quale lasciai Foggia per accasarmi al Bologna.


http://profile.ak.fbcdn.net/object3/743/4/n88081046135_9253.jpg

FOGGIA-GRANDE INTER 3-2
Non solo Zemanlandia. Foggia ha fatto parlare di sé per ragioni calcistiche ben prima che molti dei protagonisti del miracolo zemaniano venissero alla luce. Quando Signori, Baiano e Rambaudi non erano altro che progetti, il Foggia era nelle mani di Don Mimì Rosa Rosa, industriale del legno con la passione per il calcio. In panchina sedeva Oronzo Pugliese, pittoresco allenatore nato e morto in quel di Turi.
Una volta raggiunta la Serie A, i Satanelli ottennero un ottavo posto tanto imprevedibile quanto meritato. Ciliegina su una torta farcita di bel gioco, il successo sulla Grande Inter: 31 gennaio 1965, allo Zaccheria finisce 3-2. Dopo quel ko, gli uomini di Herrera si ritrovarono ad avere addirittura sette punti di svantaggio nei confronti del Milan capolista, ma alla fine lo scudetto si colorerà di nerazzurro. Tutto previsto da un tifoso d'eccezione: Padre Pio da Pietrelcina. Il frate cappuccino, ricevendo Herrera e la sua truppa a San Giovanni Rotondo, non ebbe timore di esprimere un pronostico: nerazzurri sconfitti a Foggia, ma campioni d'Italia. Oltre al titolo nazionale, quell'Inter vinse anche Coppa dei Campioni ed Intercontinentale.
La sconfitta rimediata dalla Grande Inter allo Zaccheria (l'unica in campionato oltre al derby d'andata con il Milan) è destinata a rimanere nella storia, quantomeno in quella del club rossonero. Dopo un primo tempo concluso a reti bianche, il doppio vantaggio dei padroni di casa firmato da Lazzotti e Nocera fu annullato da Suarez e Peiró, prima che il bomber massimo nella storia dei Satanelli, Cosimo Nocera, infilasse in rete il pallone del definitivo 3-2.

Antonio Giusto

Fonte: Calcio 2000

2 commenti:

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Che spettacolo quel Foggia!
Davvero un miracolo calcistico, sarebbe una favola se a distanza di 25 anni tutto si riproponesse, anche se non sarà certo facile ripercorrere quelle gesta formidabili...ciao!

R-J ha detto...

Great News for Foggia, Grande Zeman!
Saluti,
http://transfersaqueneutral.blogspot.com/
(a blog about Football and NBA transfers)