lunedì 24 novembre 2008

Biscardi cià raggione

http://static.blogo.it/tvblog/aldo_biscardi.jpg

Biscardi cià raggione. Il titolo è sgrammaticato, come il conduttore del celeberrimo Processo. Ma è indubbio che la moviola in campo, ormai, sia necessaria. Ieri, nell’ennesima giornata nera, anzi, nerissima, degli arbitri, il protagonista – in negativo, ovviamente – è stato Stefano Farina, 46enne direttore di gara. In Torino-Milan ha negato un solare rigore ai rossoneri, non vedendo un clamoroso «mani» di Pratali sul destro di Ronaldinho, salvo poi concedere la massima punizione al Toro per un mani di Kaladze che, secondo le ultime disposizioni di Collina, non doveva assolutamente essere sanzionato, dato i rimbalzo sulla coscia del difensore georgiano prima del tocco con il braccio. Tutto ciò a Kaladze non è – ovviamente – piaciuto, e ai microfoni di Controcampo ha detto chiaro e tondo ciò che pensava di Farina: «È scarso, non capisce niente e mi ha derubato». I toni sono un po’ aspri, e forse il Milan potrebbe evitare di recriminare visti i tanti favori arbitrali ricevuti in questo campionato, ma è indubbio che quella di ieri per Farina sia stata una serata storta. Mica solo la sua, però: Mazzoleni, in Lazio-Genoa, ha inspiegabilmente annullato il gol del provvisorio 0-1 a Milito; in Inter-Juventus Rizzoli ha arbitrato bene, nel complesso, ma i guardalinee sono stati disastrosi: la difesa juventina cercava sistematicamente di mettere in fuorigioco gli attaccanti avversari, ma in praticamente ogni occasione i guardalinee hanno sbagliato la chiamata.
L’unica soluzione appare la moviola in campo: nell’Nba viene già utilizzata per svariati motivi, dall’assegnazione di un fallo tecnico alla convalida di un canestro, ma anche altri sport la utilizzano, e con successo: nel Football Americano fu introdotta nel 1999, nel nuovo millennio si sono arresi alla moviola anche basket, rugby (2001), tennis e scherma (2006). Loro lo chiamano «instant replay», cambiarne il nome in «moviola» ed introdurlo nel calcio non sarebbe una cattiva idea.

4 commenti:

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Sono favorevole all'introduzione della moviola per ciò che concerne i fuorigioco e i gol/ non gol, più scettico invece per i rigori, certi episodi tipo Lazio - Genoa di ieri neanche al rallenty si riescono a chiarire...ciao!

Entius ha detto...

Non sono daccordo. E' preferibile cercare vie alternative alla moviola in campo. Per esempio il professionismo degli arbitri...


www.calciorum.blogspot.com

Vojvoda ha detto...

Gli arbitri italiani,oltre ad essere tra i peggiori d'Europa patiscono anche essi di una malattia molto diffusa nell'intero stivale un pò in tutti i settori della vita pubblica e non:l'arroganza mista a saccenza.
Ora, la scandalosa designazione di Rosetti(uno scarso tra gli scarsi)per la finale europea, nonostante i diversi disastri combinati nelle direzioni di Svizzera-Rep.Ceca e soprattutto Russia-Grecia è la dimostrazione del potere assoluto di una federazione che si ama autodefinire debole.
Ah dimenticavo...:piangersi addosso è un'altro virus che attecchisce rapidamente nelle menti italiche,usando tale pratica ad arte per manipolare verità a proprio piacimento!
Mi chiedo oltretutto con quale sfrontatezza questi fischietti vadano a fischiare in Europa facendosi "grandi" con i giocatori stranieri(solitamente più rigorosi e ubbidienti sotto l'aspetto disciplinare),mentre dai calciatori italici si fanno insultare,spintonare,accerchiare e sbeffeggiare calando sempre le braghe e pronti quasi a scusarsi anche solo per il fatto di esistere...!
Ciao;-)

Antonio Giusto ha detto...

per Entius: l'introduzione del professionismo limiterebbe gli errore. La moviola, invece, li eliminerebbe del tutto.